You are here

Il Dr. Gerardo Rosati davanti al Poster a Barcellona

DUE IMPORTANTI RICONOSCIMENTI ALL’ONCOLOGIA MEDICA DELL’AOR “SAN CARLO” A BARCELLONA E CHICAGO

Lo studio sui tumori gastroenterici, ideato e condotto al “San Carlo”, presentato come poster in Spagna, sarà pubblicato sulla rivista internazionale di oncologia “Cancers”. Segue un’altra ricerca di grande rilevanza sul carcinoma del colon già presentata alla comunità scientifica in America i cui risultati cambiano la pratica clinica

 

Potenza 13 luglio 2019 – Due importanti riconoscimenti sono stati attributi all’Unità di Oncologia medica dell’Azienda Ospedaliera Regionale “San Carlo” di Potenza a Barcellona, al Congresso Europeo di Oncologia ESMO GI (European Society for Medical Oncology) 2019 e a Chicago, al congresso mondiale ASCO (American Society of Clinical Oncology) 2019.

“È il segnale concreto della qualità del lavoro quotidiano e delle ricerche condotte dai nostri medici che continuano a trovare apprezzamento e consensi anche a livello internazionale”, ha ribadito il Direttore generale dell’AOR “San Carlo”, Dr. Massimo Barresi, soddisfatto dei risultati raggiunti dall’UOC di Oncologia medica diretta dal Dr. Domenico Bilancia.

Lo studio, condotto su pazienti anziani affetti da cancro del colon-retto avanzato, è stato presentato come poster dal Dr. Gerardo Rosati, dell’équipe di Oncologia medica del “San Carlo”, al Congresso europeo di Barcellona, che ha visto partecipare quasi 4.000 tra gli specialisti più importanti del settore provenienti da tutto il mondo. 

“Oxaliplatin-based chemotherapy in patients with metastatic colorectal cancer aged at least 75 anni: a post-hoc subgroup analysis of three phase II trials” (Chemioterapia a base di oxaliplatino in pazienti con carcinoma colorettale metastatico e con almeno 75 anni: analisi post-hoc di sottogruppi di tre studi di fase II) il titolo dello studio, ideato e progettato nell’Unità Operativa di Oncologia del San Carlo, che è stato accettato per la pubblicazione definitiva sulla rivista internazionale di oncologia “Cancers”, che ha un impact factor di 6.1. 

In collaborazione con istituzioni italiane, ospedaliere e universitarie, si è valutata, analizzando 3 studi precedenti, l’opportunità di eseguire una chemioterapia notoriamente più aggressiva a base di oxaliplatino e fluoropirimidine in pazienti anziani, con età pari o superiore a 75 anni, in buone condizioni generali e affetti da cancro del colon-retto metastatico. I dati hanno dimostrato che questi soggetti hanno gli stessi vantaggi e le stesse modiche tossicità dei pazienti più giovani. Pertanto, non si dovrebbe ricorrere prudenzialmente a un’inopportuna riduzione delle dosi dei farmaci o addirittura non trattare i soggetti più anziani.

A Chicago, invece, è stato presentato alla comunità scientifica internazionale in seduta plenaria uno studio clinico, di cui il Dr, Rosati è co-autore, i cui straordinari risultati cambiano la pratica clinica. La ricerca è nata dalla collaborazione di eminenti clinici che hanno studiato la possibilità che un trattamento chemioterapico meno intensivo potesse dare gli stessi vantaggi in termini di riduzione del rischio di ripresa di malattia nei pazienti operati per un carcinoma del colon.

Mettendo insieme i 4 studi condotti nel mondo (tra i quali quello italiano “TOSCA” al quale l’Oncologia Medica del “San Carlo” ha dato un contributo decisivo reclutando 137 soggetti risultando secondo centro più importante per numerosità di pazienti arruolati), è nato il progetto IDEA. Si è valutato se la diversa durata della chemioterapia conseguisse gli stessi risultati anche in pazienti senza linfonodi positivi e definiti comunque ad alto rischio di recidiva.